Banda larga ancora poco sviluppata in Italia. Cresce il divario tra esigenze e qualit?á

L’Italia indietro nella diffusione della banda larga. Un’analisi condotta da Said Business School dell'Università di Oxford e dall'Universidad de Oviedo basata su un fattore virtuale tale da permettere raffronti tra dati omologhi, ha dato vita al Broadband Quality Score. Si tratta di una ricerca che, studiando attentamente parametri misurabili per la banda larga in funzione della loro utilità in un dato momento, ha fotografato l’Italia come Paese poco inserito ancora nel mondo della banda larga.


Nella classifica delle nazioni l'Italia è a metà tra Irlanda e Ucraina, Turchia e Malta, per cui si colloca in una fascia di performance mediocri, tali appena da incontrare le esigenze delle attuali applicazioni ma nulla più. In prospettiva, si tratta di una valutazione preoccupante perchè, mentre le esigenze aumentano rapidamente, i lavori per tenersi al passo coi i tempi risultano crescere, per cui il divario tra necessità e possibilità di soddisfazione delle stesse aumenta.

Spiccano, invece, come ‘più avanti’ Corea, Giappone e Svezia, mentre il podio è per Lituania, Bulgaria e Lettonia, oltre ad Olanda, Danimarca e Romania. In conclusione, si nota come quasi tutta l’Europa occupi posizioni migliori rispetto alla nostra penisola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato nè utilizzato per inviarti email *



Clicca qui sotto per confermare che sei una persona:

Cancel reply
T2 = 0,0000
T3 = 0,0000
T4 = 1.562,5000
T5 = 1.562,5000
T6 = 1.562,5000
T7 = 1.562,5000 > 65634,05 > 65634,03